Registrati su ANITEL     PORTALE ANITEL - Dimenticata dalla Legge Stanca l'accessibilità a scuola - Aggiornamento - Notizie
Home FAQ Contattaci Cerca FAD Lingua
Area pubblica
Risorse
Contenuti
Corsi ANITeL
NetCast
Second ANITeL
ANITeL su facebook
Aggiornamento : Dimenticata dalla Legge Stanca l'accessibilità a scuola
Inviato da DIDATTIKA il 14/1/2006 20:20:00 (1627 letture)

Open in new windowA due anni dall'entrata in vigore, mancano strumenti didattici accessibili
Era stata approvata nel 2004 e, a distanza di due anni, è entrata in vigore solo parzialmente. Parliamo della famosa "Legge Stanca": mentre se ne celebrano i risultati ci si dimentica per strada un articolo, il numero 5, in base al quale gli strumenti didattici e formativi, compresi i libri di testo, devono essere forniti in formato accessibile agli studenti disabili.


Voi ne avete visti di questi strumenti?
"Mentre per l'accesso a Internet, all'hardware ed agli applicativi software di tipo generale i regolamente previsti dalla legge sono già definiti e in vigore, nulla si è mosso per gli strumenti didattici e neppure una prima bozza dell'atteso regolamento è stata finora realizzata dai due Ministri competenti" - afferma l'onorevole Luana Zanella, che ha presentato una interrogazione al Ministro dell'Istruzione e al Ministro per l'Innovazione e
la Ricerca.
La disponibilità dei libri di testo in formato digitale è un'esigenza sempre più sentita tra i genitori e gli studenti disabili, come testimonia anche l'appello ai Ministri competenti, promosso un anno fa da alcuni genitori e firmato da quasi mille persone: mille mamme e papà allarmati, già allora preoccupati che nell'anno scolastico che stava per iniziare l'articolo 5 della legge 4/2004 rimanesse ancora inapplicato.
"Ci chiediamo - continua la Zanella - se il Governo stia concretamente
realizzando delle iniziative per superare questi ritardi, e fare in modo che almeno a partire dal prossimo anno scolastico, 2006/2007, il terzo dopo l'approvazione della legge, gli alunni disabili potranno servirsi di
strumenti didattici e libri di testo accessibili".

Certo non è una questione di soldi, nè di mancanza di idee o di spirito di iniziativa. Evidentemente strumenti didattici accessibili fanno meno rumore e affascinano meno l'opinione pubblica rispetto a quei prodotti didattici multimediali del tutto inaccessibili ai disabili (come il Divertinglese sviluppato in collaborazione con la Rai) o rispetto ai costosi progetti per la diffusione delle tecnologie informatiche nella didattica. Tecnologie che non tengono minimamente conto dei requisiti di accessibilità.
Niente accessibilità, niente integrazione, insomma. E questa mancanza
rischia di riflettere un disinteresse più ampio, come fa notare la Zanella, sostenendo che "il Ministero dell'Istruzione dovrebbe avere un ruolo attivo e determinante nella diffusione della cultura dell'accessibilità nella scuola".

Francesca Lorandi



Altre news
1/6/2018 14:22:37 - INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DEI SOCI E CONSENSO
1/6/2018 0:10:00 - AVVISO ELEZIONI ORGANI STATUTARI 2018-2023
1/6/2018 0:10:00 - 2^ Assemblea Generale 2018 dei Soci
8/3/2018 16:20:00 - PRIMA ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI ANITeL 2018
8/3/2018 15:00:00 - Documenti da votare in AG 2018
13/11/2017 9:15:07 - Corsi di formazione ANITeL 2017/2018.
15/6/2017 18:10:00 - Proposta corsi ANITeL 2017/2018
13/4/2017 15:30:00 - Il 5 per mille a favore di ANITEL
29/3/2017 14:35:07 - AG 2017: verbali ed esiti delle votazioni
25/2/2017 18:20:00 - PRIMA ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI ANITeL 2017

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Chi siamo | Netiquette | Privacy | Disclaimer | ContattaciFAQ | Credits