Registrati su ANITEL     PORTALE ANITEL - NEOASSUNTI 2006: l'organizzazione - Formazione - Notizie
Home FAQ Contattaci Cerca FAD Lingua
Area pubblica
Risorse
Contenuti
Corsi ANITeL
NetCast
Second ANITeL
ANITeL su facebook
Formazione : NEOASSUNTI 2006: l'organizzazione
Inviato da DIDATTIKA il 3/2/2006 14:10:00 (17287 letture)

Open in new window

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l’istruzione
Direzione Generale per il personale della scuola
UFF. IV - VI


VAI AI DOCUMENTI E MATERIALI DEI VARI CORSI>>


Come è noto, la Legge n. 168 del 17 agosto 2005, di conversione con modificazioni del D.L. 30 giugno 2005, n.115, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 194 del 22 agosto 2005, ha previsto all’articolo 3, nelle more della definizione del piano pluriennale di assunzioni a tempo indeterminato, l’autorizzazione ad assumere per l’anno scolastico 2005/2006 con contratto a tempo indeterminato personale docente per un contingente di 35.000 unità secondo le modalità previste dall’articolo 399 del D.L.vo n.297/94. A tale contingente si sommano le immissioni in ruolo dei docenti di religione , di cui alle note prot. n. 379 dell’11.3.2005 e prot .n.983 del 9 giugno 2005. Per il predetto personale docente ( docenti dei diversi ruoli, posti e classi di concorso, previsti dalla tabella allegata al D.M. 8 luglio 2005 e docenti di religione ) occorre avviare nel corrente anno scolastico le procedure, di cui all’articolo 438 del citato Decreto Legislativo n. 297/94. Nel confermare le disposizioni impartite da questo Ministero con C.M. n. 267 del 10.8.1991 e richiamate con nota del 28 maggio 2001, prot. n. 39/segr. ex Direzione generale del personale della scuola e dell’amministrazione, si ribadisce che i docenti, che hanno già superato il periodo di prova in una determinata classe di concorso e siano stati nominati in altra classe di concorso, in quanto inclusi nelle graduatorie provinciali di cui alla legge 124/99 e successive modifiche e integrazioni, o nelle graduatorie dei concorsi per titoli ed esami tuttora vigenti, ovvero abbiano ottenuto il passaggio di ruolo o di cattedra di cui all’ art 10 commi 1 e 5 del CCNL 23 luglio 2003, non sono tenuti a frequentare l’anno di formazione, di cui all’articolo 440 del citato Decreto legislativo n.297/94.
Tanto premesso in vista del prossimo avvio dei corsi di formazione per i docenti neo assunti, le SS.LL. sono pregate di impartire ai competenti CSA ogni opportuna disposizione volta ad evitare eventuali occasioni di contenzioso sulla materia, facendo altresì notare che l’errata attivazione dei corsi di formazione comporterebbe peraltro un ingiustificato aggravio di spesa e ribadendo che il periodo di prova va sempre effettuato quando vi sia stata l’assegnazione ad un ruolo diverso, mentre l’obbligo della formazione in ingresso è da configurarsi esclusivamente nei confronti dei docenti assunti in ruolo per la prima volta.
La formazione in ingresso, infatti, prevista contrattualmente per i neoassunti in ruolo all’articolo 67 del Contratto Collettivo Nazionale del Comparto scuola , pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 14 agosto 2003, costituisce un obbligo contrattuale e trova rispondenza nella Direttiva sulla formazione e l’aggiornamento del personale docente, educativo, amministrativo tecnico e ausiliario relativa all’anno scolastico 2005/2006 (Direttiva n.45 del 4 aprile 2005, registrata dalla Corte dei Conti il 23 maggio 2005, reg.3, fg.217) e nella contrattazione collettiva integrativa a livello regionale.
A tale riguardo si rappresenta che questa Direzione Generale sta avviando l’informativa sulla Direttiva per la formazione e l’aggiornamento relativa all’anno scolastico 2006-2007, confermando gli obiettivi previsti per il corrente anno scolastico, al fine di poter assicurare continuità nella programmazione degli interventi di formazione.
Per il corrente anno scolastico, in continuità con il processo di formazione in atto, questa Direzione Generale ha provveduto, con nota prot 1283 del 12 luglio 2005 a richiedere la collaborazione dell’INDIRE- istituto nazionale di documentazione per l’innovazione e la ricerca educativa di Firenze - per la progettazione e la realizzazione dell’ ambiente di formazione per il personale docente ed educativo neoassunto in ruolo.
Il progetto di ambiente di formazione per i docenti neoassunti in ruolo, in coerenza con quanto già realizzato per l’anno scolastico 2004-2005, prevede moduli formativi rivolti a tutte le tipologie di insegnanti, al fine di stimolare una riflessione sulle competenze metodologico -didattiche, psico - pedagogiche, relazionali e comunicative .
La presente nota richiama, pertanto, le caratteristiche tecniche dell’ ambiente di apprendimento e le procedure propedeutiche all’avvio dei corsi ( nomina dei direttori dei corsi e dei docenti chiamati a svolgere funzione tutoriale – e-tutor – nell’ambiente di formazione, tempi e modalità di erogazione dei materiali formativi).

L’IMPIANTO DEL SERVIZIO DI FORMAZIONE PER I DOCENTI NEOASSUNTI
Il modello e-learning integrato rappresenta la modalità più rispondente all’esigenza di offrire un progetto formativo unitario e allo stesso tempo flessibile e in grado di assumere le domande formative dei docenti.
In effetti il modello e-learning integrato consente di avvalersi di materiali di approfondimento sugli snodi caratterizzanti il processo di innovazione in atto, di partecipare – anche in maniera interattiva – a momenti di confronto e di dibattito tra pari ( forum moderati da esperti) e di contribuire all’implementazione delle esperienze didattiche ( laboratori di esperienze di tipo sincrono e asincrono).
Nel modello assume particolare rilevanza la funzione dell’e-tutor che deve possedere competenze comunicativo - relazionali, metodologico -didattiche , informatiche e di coordinamento insieme a quelle più strettamente professionali ossia l’essere in grado di lavorare in rete con le scuole, di saper riflettere sulla pratica didattica, di saper documentare ed apprendere dal contesto organizzativo della scuola.
Il percorso formativo delineato è quello della ricerca-azione con continui rinvii all’attività di servizio, al fine di consentire al docente in formazione di acquisire strumenti e metodi per autovalutarsi, aggiornarsi e misurarsi con i bisogni degli alunni e del territorio in uno stile di insegnamento progressivamente incentrato sulla personalizzazione dei percorsi formativi.
A livello di singola istituzione scolastica o di reti di scuole, la formazione terrà conto delle competenze possedute dagli insegnanti, delle domande formative da soddisfare, ma anche dei bisogni didattico - organizzativi delle scuole. E’ importante, a tale riguardo, che il contesto organizzativo assuma il valore aggiunto dell’apprendimento conseguito dal singolo docente in formazione e tenda a favorire la coniugazione tra l’agire concreto, legato ai compiti e alle responsabilità dell’insegnante in formazione, con lo sviluppo di un’attitudine permanente alla riflessività.
Per una più puntuale illustrazione dei contenuti dell’ambiente di apprendimento si fa rinvio al piano editoriale prelevabile dalla pagina http://puntoeduri.indire.it/neoassunti2006.

IL MODELLO ORGANIZZATIVO
Secondo i parametri del modello e-learning integrato la formazione on-line prevede la partecipazione a momenti di formazione on-line e a incontri in presenza; questi ultimi, promossi e organizzati dagli Uffici scolastici regionali con le risorse iscritte nei rispettivi capitoli di bilancio e oggetto di contrattazione integrativa regionale, prevedono 20-15 ore in presenza suddivise in 4-5 incontri per gruppi di 15-20 docenti, provenienti dai due cicli scolastici, purché gravitanti nello stesso ambito territoriale. Il coordinamento e la direzione di ciascun corso è affidata ad un Dirigente scolastico che ha compiti amministrativo-gestionali ed ha la responsabilità dell’attestazione finale delle ore di formazione.
L’e-tutor potrà essere individuato, preferibilmente, tra coloro già coinvolti in esperienze pregresse di formazione secondo il modello e-learning integrato (partecipazione al Progetto ForTic; ai Progetti di formazione per il D.M.100 e D.M. n.61; Formazione a sostegno della riforma – DL.vo 59/04).
In allegato (All.n.1) si riporta la scheda relativa alla procedura di iscrizione per i docenti neoassunti che dovrà essere curata dalle istituzioni scolastiche e che sarà disponibile a partire dal 6 febbraio p.v.
L’attività formativa per i corsisti avrà inizio il giorno 6 marzo 2006.
Si segnala che l’ambiente di formazione Puntoeduneoassunti costituisce un servizio e un’opportunità assicurata a livello nazionale da mettere a disposizione dei docenti neoimmessi in ruolo, i quali, tuttavia, anche in relazione alla programmazione formativa avviata a livello regionale e oggetto di contrattazione collettiva integrativa, possono decidere di utilizzare altre opportunità formative promosse a livello territoriale.
Sarà cura degli Uffici scolastici regionali far conoscere alla scrivente Direzione generale eventuali modalità di formazione alternative all’offerta nazionale.
Si confida nella consueta collaborazione.

IL DIRETTORE GENERALE
Fir.to Giuseppe Cosentino


ALLEGATO

Neoassunti 2005-2006

Procedura di iscrizione
Gli Istituti Scolastici statali di ogni ordine e grado, utilizzando il codice meccanografico e la password utilizzata per le iscrizioni alle iniziative di PuntoEdu, possono:

- iscrivere i propri docenti come corsisti all'ambiente di apprendimento predisposto da Indire, prelevando i dati anagrafici degli utenti previsti nell'elenco fornito dal MIUR. I docenti neoassunti in elenco compaiono senza la specifica della sede di servizio, mentre è specificato il codice della dotazione organica provinciale.
Nell'elenco non sono compresi gli insegnanti neoassunti di religione cattolica che dovranno essere iscritti dalle scuole attraverso la funzione "Iscrivi manualmente" (indicare con "rel" la materia di insegnamento).
Le scuole devono anche integrare le iscrizioni per i docenti assunti negli anni precedenti che non abbiano ancora assolto gli obblighi della formazione.
N.B. L'e-mail e il codice fiscale sono campi obbligatori ai fini dell'iscrizione.
Gli USR, utilizzando i codici di accesso specifici comunicati da Indire, possono
- iscrivere e-tutor e direttori di corso.
- organizzare i corsi.

Ad ambiente formativo aperto, l'e-tutor potrà popolare la classe virtuale associandosi i nominativi dei corsisti che incontra in presenza. Una volta associati, i corsisti hanno accesso completo all'ambiente formativo.
La comunicazione della password agli utenti è a carico dell'istituzione che li ha iscritti: la scuola per i corsisti, l'USR per gli altri e-tutor e direttori di corso. Ad ambiente aperto sarà comunque disponibile una funzione "Non hai ricevuto i codici di accesso?" che permetterà di richiedere i codici che saranno inviati all’indirizzo di posta elettronica immesso all’atto dell’iscrizione. Dal primo accesso all’ambiente di formazione l’utente avrà la possibilità di modificare il proprio profilo e l’indirizzo di posta elettronica.
Come fare il login
Le istituzioni scolastiche devono utilizzare come codice di accesso il codice meccanografico dell'istituto e la password utilizzata per le iscrizioni alle iniziative di PuntoEdu.
Le scuole che non fossero in possesso della password d'istituto PuntoEdu, possono farne richiesta ad INDIRE compilando il modulo da scaricare on-line ed inviandolo via fax.
Gli USR devono utilizzare come codici di accesso quelli specifici comunicati da INDIRE.
In caso di problemi di funzionamento tecnico contattare neo2006-helpregistrazione@indire.it

NOTA PER GLI INSEGNANTI DI RELIGIONE

DIPARTIMENTO PER L'ISTRUZIONE
DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA
Prot. n. 983
D.G. per il personale della scuola Roma, 9 giugno 2005
Uff. III
Oggetto: Assunzione in ruolo degli insegnanti di religione cattolica - Periodo di prova e
azioni formative
Si fa seguito alla nota del 24 marzo 2005 con la quale veniva trasmesso il D.M. 24 marzo 2005 di ripartizione del
contingente di assunzioni in ruolo per l'a.s. 2005/2006 relativamente al personale docente risultato in posizione utile
nelle graduatorie del concorso riservato, indetto con Decreto dirigenziale del 2 febbraio 2004.
Al riguardo, si comunica che la Corte dei Conti ha restituito, non registrato, il provvedimento di cui trattasi....."in
quanto la portata ad esso attribuita non coinvolge determinazioni che tocchino l'organico dei docenti di religione a suo
tempo stabilito, né la relativa spesa". Ciò premesso, considerato che tale indicazione rende possibile dare seguito agli
adempimenti conseguenti alla ripartizione delle assunzioni operata dall'Amministrazione, si invitano le SS.LL. a
procedere sollecitamente alle assunzioni in ruolo del personale interessato sulla base delle indicazioni e dei chiarimenti
già forniti con la nota n. 379 dell'11 marzo 2005.
A tal fine, si precisa che i contingenti fissati nel predetto D.M. per regione e settore di insegnamento non sono
suscettibili di modifica e, pertanto, le SS.LL., una volta operata l'ulteriore ripartizione del contingente con riferimento al
territorio di pertinenza di ciascuna diocesi, come già anticipato nella nota n. 379 dell'11 marzo 2005, individueranno i
destinatari secondo la procedura indicata nell'art. 9 del bando di concorso, con particolare attenzione a quanto previsto
dai commi 7 e 8, consentendo, ove ne ricorrano le condizioni, l'opzione del candidato utilmente inserito in due diverse
graduatorie concorsuali.
Per la formale individuazione e la stipula del contratto di lavoro verranno quanto prima forniti, in linea, gli appositi
modelli.
I contratti individuali di lavoro a tempo indeterminato devono essere redatti specificando se il rapporto di lavoro è
costituito a tempo pieno o part-time, nonché la tipologia di istituzione scolastica a cui i docenti devono essere assegnati
individuabile tra: scuole dell'infanzia, scuola primaria, istituti di istruzione secondaria di I grado, istituti di istruzione
secondaria di II grado. La tipologia di istituzione scolastica va specificata anche nel caso di utilizzazione su entrambe le
tipologie dello stesso ruolo, indicando quale tra loro debba essere considerata come "titolarità" e quale
"completamento", come, ad esempio, per assunzione a cavallo tra scuola dell'infanzia e primaria.
Per quanto concerne l'assegnazione della titolarità, attese le specifiche caratteristiche della dotazione organica del
personale di cui trattasi, essa dovrà avvenire sulla dotazione organica regionale con contestuale utilizzazione del
docente presso l'istituzione scolastica. Tale utilizzazione, ai sensi dell'art. 37 comma 5 del vigente CCNL, si intende
confermata automaticamente di anno in anno qualora permangano le condizioni e i requisiti prescritti dalle vigenti
disposizioni di legge.
Per tali motivi l'inserimento al STD sarà effettuato in anagrafe con un unico codice "Dotazione regionale" con
distinzione tra "Scuole primarie e "scuole secondarie"; al solo scopo di individuare la competente DPT, sarà fatta
menzione nei contratti individuali della scuola e della provincia di servizio.
Il trattamento economico attribuito all'atto della stipula del contratto a tempo indeterminato sarà provvisoriamente
corrispondente a quello percepito con l'ultima retribuzione attribuita singolarmente a ciascun docente in qualità di
"incaricato all'insegnamento della religione cattolica con contratto a tempo determinato". Successivamente al
superamento del periodo di prova si procederà all'attribuzione stipendiale definitiva.
Gli insegnanti IRC nominati a tempo indeterminato sono assunti in prova ed il relativo periodo deve essere effettuato
secondo le disposizioni impartite dagli artt. 437, 438 e 440 del D.L.vo 297/94 e dalla nota n. 39 del 28 maggio 2001. Ai
fini dell'attività di formazione i Dirigenti scolastici delle sedi di servizio degli insegnanti IRC, a partire dal 1° settembre
2005, dovranno provvedere all'iscrizione all'area riservata "puntoeduneoassunti" dell'INDIRE, secondo le istruzioni che
saranno diramate prima dell'inizio dell'a.s. 2005/2006. Le attività di cui trattasi, ovviamente, non riguarderanno i
contenuti disciplinari, che sono di competenza dell'autorità ecclesiastica, ma tutti gli altri aspetti del profilo
professionale dei docenti di regione cattolica.
Con l'occasione si informa, infine, che è in corso di definizione, da parte del Ministro dell'Economia e del Dipartimento
per la funzione pubblica, il procedimento di autorizzazione per l'assunzione per l'a.s. 2005/2006 di un ulteriore
contingente di 3.077 insegnanti IRC.
IL DIRETTORE GENERALE
F.to GIUSEPPE COSENTINO
Destinatari
Ai Direttori Generali
degli Uffici Scolastici Regionali

VAI AI DOCUMENTI E MATERIALI DEI VARI CORSI>>



Altre news
1/6/2018 14:22:37 - INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DEI SOCI E CONSENSO
1/6/2018 0:10:00 - AVVISO ELEZIONI ORGANI STATUTARI 2018-2023
1/6/2018 0:10:00 - 2^ Assemblea Generale 2018 dei Soci
8/3/2018 16:20:00 - PRIMA ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI ANITeL 2018
8/3/2018 15:00:00 - Documenti da votare in AG 2018
13/11/2017 9:15:07 - Corsi di formazione ANITeL 2017/2018.
15/6/2017 18:10:00 - Proposta corsi ANITeL 2017/2018
13/4/2017 15:30:00 - Il 5 per mille a favore di ANITEL
29/3/2017 14:35:07 - AG 2017: verbali ed esiti delle votazioni
25/2/2017 18:20:00 - PRIMA ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI ANITeL 2017

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Chi siamo | Netiquette | Privacy | Disclaimer | ContattaciFAQ | Credits