Registrati su ANITEL     PORTALE ANITEL - PROGETTIFICI: LA MOLTIPLICAZIONE DEI P.O.N. E DEI PESCI - Aggiornamento - Notizie
Home FAQ Contattaci Cerca FAD Lingua
Area pubblica
Risorse
Contenuti
Corsi ANITeL
NetCast
Second ANITeL
ANITeL su facebook
Aggiornamento : PROGETTIFICI: LA MOLTIPLICAZIONE DEI P.O.N. E DEI PESCI
Inviato da DIDATTIKA il 2/5/2008 22:40:00 (5952 letture)

Open in new windowAnche quest'anno, in molte scuole d'Italia si è rinnovato il "miracolo" della moltiplicazione (e della spartizione) dei P.O.N. e dei pesci.
Il "miracolo" s'è avverato pure nella mia scuola. Molto più che in passato ho potuto seguire il turpe spettacolo messo in scena nel "progettificio scolastico" nel quale lavoro. Si è consumato l'ennesimo “mercato delle vacche”, senza offesa per le vacche e i loro venditori. Con la differenza, non secondaria, che un vero mercato delle vacche denota una maggiore dignità e legittimità, una maggiore serietà e nobiltà, almeno rispetto alle oscenità affaristiche e venali a cui si assiste in un "progettificio scolastico".

Ma perché mi dichiaro apertamente contro i cosiddetti "progettifici scolastici"?

E' presto detto. Sono contro i "progettifici" non per ragioni ed istanze ideologiche astratte, non per partito preso o una posizione aprioristica, bensì per riflessioni legate alla mia cognizione ed esperienza diretta, avendoli sperimentati personalmente nel corso della mia carriera professionale, in modo particolare negli ultimi anni.

Nulla mi impedirebbe di essere propenso verso l'offerta, il finanziamento e l'esecuzione di progetti di qualità, purché siano creati, presentati e realizzati seriamente, ma mi accorgo che i casi positivi sono eccezioni molto rare, anzi rarissime.

Invece, i "progettifici scolastici" si caratterizzano negativamente per vari motivi, anzitutto per un'assenza di intelligenza, di creatività e trasparenza, per scarsa correttezza ed equità, per mancanza di razionalità e rispondenza ai reali bisogni psicologici, formativi, sociali e culturali degli studenti, mentre obbediscono solo ad una logica cinica e affaristica. Per non parlare dei continui strappi alle regole, delle reiterate violazioni di norme e diritti sanciti dalla legge, delle innumerevoli e meschine scorrettezze commesse all'interno delle scuole.

Dunque, ribadisco di essere favorevole ai progetti di qualità ma fermamente contrario ai "progettifici", in quanto i primi si basano (appunto) sulla qualità, mentre i secondi sulla quantità, in molti casi addirittura sulla quantità "industriale". Non a caso i "progettifici" sono definiti in tal modo, proprio perché si configurano come "fabbriche di progetti".

In gran parte si tratta di progettini vuoti ed insulsi, privi di intelligenza e valore culturale, di estro creativo e progettuale, senza armonia e rispondenza alla realtà del territorio, anzi in grave disaccordo con le istanze effettive degli alunni. In molti casi si tratta di "progetti-fantasma", esistenti solo sulla carta, la cui attuazione non è sottoposta ad alcun sistema di controllo. Gli stessi meccanismi e strumenti di monitoraggio e verifica sono inefficaci o inesistenti, ovvero esistenti solo sulla carta.

Sono sempre più numerose le scuole italiane che tendono a configurarsi come "progettifici" senza valore, per la semplice ragione che la produzione e l'offerta di progetti e progettini su scala industriale conviene economicamente ai dirigenti scolastici e ai colleghi più venali ed affaristi. I quali, non a caso, puntano sui "progettifici" e non sulla qualità, perseguendo esclusivamente la "produttività economica", vale a dire il facile guadagno.

In particolare nella mia scuola, quest'anno i progetti (mi riferisco non solo e non tanto ai P.O.N., quanto soprattutto ad altre tipologie di progettazione e di finanziamento economico) hanno conosciuto una proliferazione impressionante, si sono moltiplicati a dismisura, si sono scissi, frammentati e ricomposti "magicamente", sono stati riciclati e riesumati in modo "prodigioso", cambiando natura e caratteristiche, veste, tipologia e denominazione, persino il nome del referente. Perciò, sono nauseato e indignato!

Lettera Firmata
(Lascia un tuo commento... )
-----------------------
LA RISPOSTA DI CONCETTA MEMOLI (ex membro del CD ANITeL)

PROGETTI PON: VALORE AGGIUNTO ALLA DIDATTICA

I PON fanno sempre discutere e non poco perché sono sempre il pomo della discordia di molte scuole, i finanziamenti sono cospicui e la ricchezza spesso non sia sa come spenderla…
Ma le direttive esistono e non sono poche e lasciano poco spazio alle discrezionalità , le procedure sono rigide e spesso inderogabili e i controlli, locali, nazionali ed europei esistono davvero , sia pure effettuati a campione, questo dovrebbe invitare ad una puntuale e corretta progettazione e ad una coerente attuazione degli obiettivi.
Ma evidentemente così non è, se l’autore della lettera riscontra così tanti elementi negativi.
Mi sono occupata di progetti europei in varie occasioni sia come autrice dei progetti, sia come tutor di laboratorio, sia come facilitatore posso quindi vantare a mio favore un osservatorio abbastanza variegato che mi consente di esprimere giudizi non sommari ma abbastanza circostanziati, sia pure sempre riferiti all’esperienza vissuta nella mia scuola, così come l’autore della lettera si riferisce probabilmente alla sua.
Vorrei spezzare, quindi, qualche lancia a difesa dei PON, anche se non metto in dubbio che in molte scuole vengano stravolte le finalità e le modalità di attuazione dei progetti PON, laddove non se ne ravvede l’importanza, il valore e soprattutto l’utilità degli stessi.
I finanziamenti europei non sono “altro” da noi, sono i nostri soldi comunitari , che ci vengono restituiti perché nella nostra scuola (in questo caso del Sud dove pare che ci siano grosse falle da riparare) competenze e strutture abbiano la dignità che meritano e che le scuole dell’”Obiettivo convergenza” possano anche loro viaggiare a testa alta nel panorama nazionale ed europeo .
Il PON nasce, quindi, nelle migliori intenzioni di chi li emette , cioè per dare qualità e respiro nazionale ed europeo all’offerta didattica, superare i limiti di una didattica spesso ingessata, ripetitiva, priva di particolare appeal per gli studenti e per rendere competitiva la preparazione dei nostri studenti che, come ben sappiamo sono agli ultimi posti della classifica dell’OCSE.
L’autodiagnosi che la scuola effettua prima del progetto consente di individuare dei bisogni e il progetto che ne scaturisce sarà tarato coerentemente su questi , per cui la creatività , l’intelligenza, l’originalità, l’utilizzo di metodologie innovative sono senz’altro requisiti auspicabili e costituiscono valore aggiunto a ciò che già quotidianamente facciamo sia pure con onore e dignità.
Ma ogni strumento anche il più raffinato rivela la sua pochezza nelle mani di chi non ne ha compreso la funzione ed il valore , decide di non imparare ad usarlo e successivamente lo distrugge.
I PON si basano sulla condivisione d’Istituto , e come tale è un progetto che investe la scuola e tutti i suoi operatori , interni ed esterni, perché tutti siano consapevoli che si stiano mettendo in atto percorsi di crescita i cui risultati non possono essere tangibili nell’immediato ma vanno visti in termini di sollecitazione alla curiosità e alla scoperta, di aumento della motivazione e dell’interesse , requisiti di base per la conquista delle conoscenze.
Se il progetto non è “condiviso” ma vissuto con sofferenza e fastidio perché interessa solo pochi soggetti della scuola è un progetto fallito in partenza.
Il cantiere dei progetti è sicuramente sempre aperto ma non parlerei di “progettificio” ma di capacità progettuale che ogni scuola dovrebbe esprimere per rispondere ai propri bisogni formativi.
Non abbiamo sempre combattuto i finanziamenti “a pioggia”? Distribuiti e calati dall’alto soltanto perché i soldi c’erano e quindi bisognava darli a tutti e in quantità, a volte, minime da rendere insignificante qualsiasi intervento?
Meglio progettare caro detrattore del PON, tenendo conto che l’intelligenza, la creatività, il valore culturale, la qualità sono a monte, cioè nel progetto iniziale che vedrà la sua felice conclusione nelle mani di chi si sentirà adeguato a tradurlo in pratica con altrettanto estro e fantasia.
Concetta Memoli



Altre news
1/6/2018 14:22:37 - INFORMATIVA AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI DEI SOCI E CONSENSO
1/6/2018 0:10:00 - AVVISO ELEZIONI ORGANI STATUTARI 2018-2023
1/6/2018 0:10:00 - 2^ Assemblea Generale 2018 dei Soci
8/3/2018 16:20:00 - PRIMA ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI ANITeL 2018
8/3/2018 15:00:00 - Documenti da votare in AG 2018
13/11/2017 9:15:07 - Corsi di formazione ANITeL 2017/2018.
15/6/2017 18:10:00 - Proposta corsi ANITeL 2017/2018
13/4/2017 15:30:00 - Il 5 per mille a favore di ANITEL
29/3/2017 14:35:07 - AG 2017: verbali ed esiti delle votazioni
25/2/2017 18:20:00 - PRIMA ASSEMBLEA GENERALE ORDINARIA DEI SOCI ANITeL 2017

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.

Autore Contenuto
giuliano
Data di invio: 6/5/2008 20:33  Aggiornato: 6/5/2008 20:38
Matricola
Iscritto: 29/3/2005
Da:
Inviati: 1
 Re: PROGETTIFICI: LA MOLTIPLICAZIONE DEI P.O.N. E DEI PESCI
salve,
penso che come spesso accade la verita' sta nel mezzo.. Voglio dire che in molte scuole d'italia, penso, esistono persone che considerano i PON come un'occasione seria per realizzare qualcosa di positivo per la scuola e il territorio. Per altre persone invece e' soltanto un'occazione per spartire o partecipare a una spartizione... Che dire? e' la scuola lo specchio della societa'?
buon lavoro a chi lavora, buon appetito agli altri

ps:se invece preferiamo parlare di cosa si puo' fare per migliorare le cose e creare una scuola veramente di qualita' allora il dialogo potrebbe diventare piu' costruttivo..

Autore Contenuto
DIDATTIKA
Data di invio: 12/5/2008 18:05  Aggiornato: 12/5/2008 18:05
Guru
Iscritto: 13/3/2005
Da:
Inviati: 254
Online!
 Re: PROGETTIFICI: LA MOLTIPLICAZIONE DEI P.O.N. E DEI PESCI
<ps:se invece preferiamo parlare di cosa si puo' fare per migliorare le cose e creare una scuola veramente di qualita' allora il dialogo potrebbe diventare piu' costruttivo..>
D'accordo, è un po' che non solo ci stiamo pensando ma anche facendo: andando al MPI a Roma, incontrando i sindacati, organizzando tavole rotonde ma.... come vedi la strada è lunga e difficile, a volte impossibile...
valerio

Autore Contenuto
Sandro
Data di invio: 6/5/2008 20:04  Aggiornato: 11/5/2008 15:14
Matricola
Iscritto: 6/5/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: PROGETTIFICI: LA MOLTIPLICAZIONE DEI P.O.N. E DEI PESCI
Non sono un nostalgico, ma la scuola funzionava prima del fondo di istituto e prima dei PON. Queste cose, introdotte sulla base del principio "paghiamo chi merita", hanno sortito una serie di risultati perversi. Lungi dal compensare il lavoro sommerso hanno creato gerarchie, disparità, ruoli, differenze.
Hanno distolto dal lavoro quotidiano (noi siamo docenti a tempo pieno...). Hanno fatto entrare nelle scuole eserciti di personaggi di vario genere, non sempre stimabili. Hanno dirottato gli alunni verso altri interessi. Non ultimo hanno trasformato la scuola, che era una delle poche oasi rimaste del "no profit" in un'accolita di mercenari, tra l'altro a cifre umilianti.
E questo indipendentemente dalla stimabilità di alcuni progetti e dalla loro eventuale utilità...
Insomma: i soldi andrebbero investiti nell'attività didattica ordinaria, nella quale invece si taglia ogni anno, distruggendo tutto: continuità didattiche, rapporto docenti alunni, personale...

Autore Contenuto
DIDATTIKA
Data di invio: 12/5/2008 18:08  Aggiornato: 12/5/2008 18:08
Guru
Iscritto: 13/3/2005
Da:
Inviati: 254
Online!
 Re: PROGETTIFICI: LA MOLTIPLICAZIONE DEI P.O.N. E DEI PESCI
D'accordo in generale. Sul legame tra il concetto di meritocrazia e i PON credo pero' non ci sia molto in comune. I pon sono finanziamenti europei per le regioni del sud. Il fondo d'Istituto invece è una diretta conseguenza dell'autonomia...
ciao
valerio

Autore Contenuto
mar
Data di invio: 14/9/2008 19:32  Aggiornato: 23/9/2008 18:41
Matricola
Iscritto: 14/9/2008
Da:
Inviati: 1
 Re: PROGETTIFICI: LA MOLTIPLICAZIONE DEI P.O.N. E DEI PESCI
Concordo con Valerio.
Il PON e strumento programmatico proveniente dall'Europa ed in quanto tale è soggetto a regole univoche di gestione e procedure amministrative di controllo di rango almeno nazionale (che comunque in Italia riescono a subire le classiche distorsioni rispetto ad altri paesi).
Il "progettificio" interno nelle scuole è invece una mera conseguenza dell'autonomia che, calata senza regole e controlli nel mondo scuola (involontariamente?), si trasforma quasi ovunque in autarchia o oligarchia garante delle brame di guadagno e degli arrivismi personali da parte di furbi soggetti senza etica nè scrupoli presenti nelle scuole ad ogni livello che ora hanno trovato spazio per scatenare i propri istinti "extra-educativi".
Progetti ridicoli, virtuali, speciosi, deliberati, realizzati e rendicontati in assenza di regole e controlli interni o esterni, di trasparenza, con criteri mutevoli tra istituti o tra a.s. diversi a seconda delle convenienze e dell'arroganza del gruppo che dirige di fatto la scuola. Nessun controllo o valutaizone esterna reale, nonostante con tali progettifici si assegnino e brucino diverse centinaia di milioni di Euro all'anno del contribuente. Gli sprechi e i danni sono enormi (anche in tema di capacità innovativa e qualità delle innovazioni implementate presso le scuole).
Povera scuola! Ci hanno fatto rimpiangere i 6 milionisti contro i quali scioperammo qualche anno fa.

Login
Nome utente:

Password:

Ricordami



Password persa?

Registrati ora!

Chi siamo | Netiquette | Privacy | Disclaimer | ContattaciFAQ | Credits